.

                                   

                                                                                                        

           

 
 

 

                                                                                                    

 
   
 
 
 
 

Qui di seguito vengono riportati i progetti, cioè le attività proposte e svolte che non rientrano nelle normali prassi didattiche. Ogni progetto è pianificato all’interno di un gruppo che lo elabora, ne prevede le fasi di svolgimento e gli obiettivi e, infine, ne effettua la valutazione.

  • Attività e iniziative culturali
  • Giornalino di Istituto
  • Teatro… insieme
  • Impariamo a riconoscere la nostra città
  • I “Labirinti”- pensare per immagini: un viaggio tra cinema e letteratura
  • Lettura e scrittura
  • Progetto orientamento
  • Laboratorio teatrale
  • Dialoghi sull’amicizia e sull’amore
  • Olimpiadi di Scienze
  • Progetto vela

Educazione alla salute

L’educazione alla salute nella scuola dell’autonomia assume una dimensione trasversale rispetto allo svolgimento delle attività didattiche.
In questo spirito il nostro Istituto, seguendo le linee guida del Piano Nazionale per il benessere dello studente previsto dal Ministro della Pubblica Istruzione per l’anno scolastico 2008/2009, si propone dieci azioni:

1. vivere nel rispetto della natura e del mondo che ci circonda, per uno sviluppo ed un futuro sostenibili;

2. educare al movimento e ad essere sportivi, consapevoli, leali e non violenti;

3. promuovere e valorizzare la solidarietà, l’associazionismo e il volontariato come parte integrante del percorso formativo;

4. sostenere la diversità come valore; educare al rispetto dell’altro e a comportamenti sessuali responsabili;

5. educare alla partecipazione e alla convivenza civile;

6. favorire il dialogo interculturale;

7. prevenire ogni forma di violenza dentro e fuori la scuola; contrastare il fenomeno del bullismo; educare al rispetto della persona e delle regole;

8. educare a comportamenti corretti e responsabili sulla strada, che salvaguardino il valore fondamentale della vita;

9. promuovere l’utilizzo delle nuove tecnologie nella didattica;

10. educare all’uso corretto e sicuro degli strumenti di comunicazione; prevenire le forme di videodipendenza.

********************************************

Interventi a favore degli alunni diversamente abili (riferimento Legge 104/92)

La scuola pone particolare cura nell’affrontare le problematiche derivanti dall’inserimento nelle classi di alunni diversamente abili, i quali esigono il rispetto più attento della loro situazione e l’attuazione di appropriati interventi educativi e didattici. L’istituzione scolastica garantisce attività didattiche di sostegno realizzate con docenti specializzati nelle aree disciplinari individuate sulla base del profilo dinamico – funzionale e del conseguente piano educativo individualizzato (PEI). Gli insegnanti di sostegno assumono la contitolarità delle sezioni e delle classi in cui operano, partecipano alla programmazione educativa e didattica e alla elaborazione e verifica delle attività di competenza dei Consigli di Classe e dei Collegi dei docenti. L’integrazione scolastica della persona disabile si realizza anche attraverso la programmazione coordinata dei servizi scolastici con quelli sanitari, socio-assistenziali, culturali ecc., nonché attraverso la rimozione di tutti quegli ostacoli di ordine culturale, fisico, sociale ed architettonico che possano impedire il pieno sviluppo della personalità e delle capacità degli alunni svantaggiati.
Il POF prevede l’attuazione delle seguenti modalità di lavoro:

  • realizzare percorsi didattici individualizzati;
  • prevedere attività alternative più vicine alla realtà o all’esperienza dell’alunno;
  • favorire la socializzazione all’interno del gruppo dei coetanei;
  • promuovere un processo di autonomia per favorire l’integrazione.

In merito alla valutazione di tali alunni si fa riferimento a quanto previsto dall’art. 16 della legge 104/92.

********************************************

Olimpiadi di Matematica e di Informatica

L’ Istituto partecipa alle gare di selezione per il progetto Olimpiadi della Matematica. Lo scopo è quello di favorire un approccio ludico ad una disciplina come la Matematica. Gli obiettivi di tale progetto sono:

  • motivare gli studenti più capaci all’approfondimento nello studio della Matematica;
  • allargare, negli studenti, l’orizzonte sugli ambiti di interesse della disciplina;
  • mantenere la scuola in contatto con le istituzioni provinciali e nazionali che diffondono e promuovono la cultura e la didattica della Matematica.

L’Istituto promuove da quest’anno la partecipazione degli studenti alle I.O.I., ovvero International Olympiad in Informatics. L’obiettivo primario è quello di stimolare nei giovani l’interesse per la risoluzione di problemi complessi con l’utilizzo delle tecnologie dell’informazione. Un altro obiettivo consiste nel raggruppare talenti provenienti da diverse nazioni per far loro condividere esperienze scientifiche e favorire scambi culturali.

********************************************

 Educazione Stradale

L’Istituto promuove attività tese ad avviare gli studenti all’acquisizione di una coscienza civile rispettosa di ogni norma di vita di relazione nell’interesse del singolo e della collettività. I contenuti proposti verranno presentati sia tramite l’uso del supporto didattico, sia attraverso l’incontro di esperti nel settore. Verranno affrontati numerosi aspetti problematici legati alla guida dei veicoli, con particolare riferimento alle conseguenze amministrative e giudiziarie degli illeciti.

********************************************

Educazione alla legalità

La nostra scuola si propone di:

  • educare i giovani a partecipare alla vita democratica della comunità attraverso la conoscenza delle regole del vivere civile;
  • promuovere un’informazione che favorisca la prevenzione nei confronti della criminalità organizzata;
  • formare i giovani ad acquisire un metodo di lavoro, di indagine e di riflessione che, partendo dai dati della realtà, li spinga verso autonome conclusioni e convinzioni.
  • stimolare alla assunzione di comportamenti consapevoli e responsabili e alla considerazione della diversità come valore.

********************************************

Il quotidiano in classe

La nostra scuola ritiene che i giovani, leggendo i quotidiani in classe, possano trasformarsi in adulti più consapevoli. Le classi che partecipano all’iniziativa ricevono, per tutto l’anno scolastico, gratuitamente copie di quotidiani a tiratura nazionale, messe a disposizione da alcuni gruppi editoriali. La lettura in classe del giornale diviene, così, strumento didattico privilegiato per aprire l’istituzione scuola alla realtà della vita, per favorire nei giovani lo sviluppo di capacità di decodificazione dei messaggi che i mass-media, ed in particolare l’informazione, veicolano.

********************************************

Pomeriggi sportivi

Attraverso l’organizzazione di attività sportive pomeridiane, in situazioni amichevoli di confronto, divertimento e sano agonismo, si cercherà di creare relazioni tra allievi, anche di varie classi. Contemporaneamente alla maturazione della coscienza relativa alla propria corporeità, sia come disponibilità e padronanza motoria sia come capacità relazionale per superare le difficoltà e le contraddizioni tipiche dell’età adolescenziale, si mira all’orientamento delle attitudini personali nei confronti di attività sportive specifiche e di attività motorie che possono tradursi in capacità trasferibili al campo lavorativo e del tempo libero, oltre che al consolidamento di una equilibrata coscienza sociale basata sulla consapevolezza di sé e sulla capacità di integrarsi e differenziarsi nel e dal gruppo.

 

In allegato il decreto legislativo n. 150 del 27/10/2009 e i codici disciplinare per Docente e personale Ata, in merito all'attuazione della legge 4 marzo 2009, n. 15, in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni.

CODICE DISCIPLINARE DEI DIPENDENTI PUBBLICI, COME MEGLIO INDIVIDUATO DAGLI ARTT. 55 E SEGUENTI DEL D.LGS. N. 165/01

In attuazione a quanto disposto dall' art. 68 del d.lgs. n. 150 in data 27/10/2009, si pubblica il codice disciplinare dei dipendenti pubblici, come meglio individuato dagli artt. 55 e seguenti del d.lgs. n. 165/01 come integrato con modifiche dal già citato d.lgs. n. 150/09, recante l'indicazione delle "sanzioni disciplinari e responsabilità dei dipendenti pubblici".
Si precisa che la pubblicazione sul sito istituzionale del presente provvedimento equivale, a tutti gli effetti, alla sua affissione all'ingresso della sede di lavoro (omissis) Si rimanda al documento integrale scaricabile dalla sezione "Circolari" o dagli allegati seguenti.

http://www.usr.sicilia.it/index.php?option=com_fjrelated&view=fjrelated&layout=blog&Itemid=303

AREA 1: Gestione del Piano dell’Offerta Formativa e sostegno al lavoro dei Docenti

  • Coordinamento delle attività del Piano
  • Formazione e Aggiornamento del Personale Docenti

  prof.ssa Bosa Francesca

AREA 2: Interventi e servizi per gli studenti

  • Promozione della dimensione europea dell’educazione (mobilità studentesca individuale e di classe, certificazioni europee, progetti Comenius, programmi intercultura, ecc.)
  • Dispersione scolastica e integrazione
  • Coordinamento e gestione di uno sportello di ascolto per studenti e famiglie

prof.ssa Licata Emanuela

AREA 3: Didattica esterna e realizzazione di progetti

  • Accoglienza ed orientamento classi  prime
  • Orientamento classi quinte e Coordinamento e gestione di Corsi orientati al superamento dei test di ingresso all’Università

prof.ssa Tornambè Teresa

Area 4 : Rapporti con Enti ed Istituzioni

  • Educazione alla Legalità
  • Procedura elettorale

prof. Sanfilippo Francesco

presidente        D. S. prof.ssa Rosetta Greco
segretario         D.S.G.A. dott. Pamela Cellura
comp. doc.        prof.ssa Tornambè Teresa

comp. ATA         a . a.    Giuseppe Bellavia

comp. gen.        sig.      Angelo Augusto

comp. alunni     sig.     Salvatore Russotto

ORA LICATA(sede centrale) LICATA(piano Bugiades) LICATA (plesso Profumo)
I 8.05 - 9.05 8.05 - 9.05 8.05 (entrata biennio) -9.05
8.05 (entrata biennio) -9.05
II 9.05 - 10.05 9.05 - 10.05 9.05 - 10.05
III 10.05 - 11.00 10.05 - 11.00 10.05 - 11.00
Intervallo 11.00 - 11.10 11.00 - 11.10 11.00 - 11.10
IV 11.10 - 12.05 11.10 - 12.05 11.10 - 12.05
V 12.05 - 13.05 12.05 - 13.05 12.05 - 13.05
VI 13.05 - 14.05 13.05 - 14.05 13.05 - 14.05